lavoro municipio roma 13

Municipio XIII Zone

Comprende i seguenti quartieri, zone e suburbi:

Quartiere XIII – Aurelio (parte), Quartiere XIV – Trionfale (parte), Quartiere XXVII – Primavalle (parte), Suburbio IX – Aurelio, Suburbio X – Trionfale (parte), Zona XLV – Castel di Guido (parte); Zona XLVIII – Casalotti (parte).

Municipio Roma XIII
Abitanti per Zona
Aurelio Sud 25 181
Val Cannuta 33 787
Fogaccia 30 523
Aurelio Nord 18 483
Casalotti 17 793
Boccea 7 871
Non Localizzati 509
Totale 134 147

Commenti recenti

    il lavoro da operatore socio sanitario

    il lavoro da operatore socio sanitario

    Le professioni sanitarie sono sempre molto delicate e richiedono, in chi le pratica, una grande passione. Infatti, il lavoro da operatore socio sanitario è molto importante e per essere abbastanza competenti, bisogna seguire un corso oss in grado di preparare a questo tipo di attività. Vediamo però nello specifico quali sono i compiti dell’operatore socio sanitario, le sue mansioni e qual è il profilo professionale che tali esperti devono fare per riuscire a svolgere al meglio le proprie funzioni. Molte persone, nel corso dell’anno, parlano di queste competenze necessarie per ottenere la qualifica di operatore socio sanitario e talvolta hanno anche difficoltà a trovare il corso volto a rispondere alle esigenze specifiche. Sono le Regioni stesse ad emettere questo tipo di percorsi formativi altamente specializzanti.

    Corso OSS Regione Lazio

    Lavorare come operatore socio sanitario – I compiti dell’operatore socio sanitario

    Quella dell’operatore socio sanitario è una professione che rientra in quella sanitaria. Fornisce un supporto agli infermieri nell’assistenza di base e viene svolta da persone che hanno sostenuto un corso oss e diverse attività di formazione. Innanzitutto, un operatore socio sanitario deve aiutare i pazienti in maniera parzialmente o totalmente dipendente nelle attività di vita quotidiana. Inoltre, deve saper fare delle piccole medicazioni, verifica i parametri vitali e previene anche ulcere da decubito. In più, mette in campo la realizzazione di attività semplici di supporto terapeutico e diagnostico. Si occupa del trasporto del materiale biologico, osserva e collabora sui bisogni, disbriga le pratiche burocratiche, svolge attività di sanitizzazione, sanificazione e sterilizzazione. Poi, l’operatore socio-sanitario collabora con figure medico infermieristiche e in più, è in grado anche di garantire un supporto a 360 gradi. L’operatore ha competenze di tipo tecnico, lavora in contesti sanitari dove vi è l’autonomia solo per l’assistenza di base ai pazienti. Deve anche espletare azioni di competenza medico-infermieristica. In più, è importante che instauri un legame di empatia col paziente e questa è una delle sue competenze principali. Infatti, i migliori operatori sono proprio questi che riescono a creare questo rapporto con il proprio paziente. Non è un caso, infatti, che l’operatore deve essere in grado di capire il disagio che il paziente prova e cercare di immedesimarsi, per capire cosa sta passando. Solo così riuscirà ad avere un buon approccio!

    LAvoro OSS come fare – Come si forma un operatore socio-sanitario, il corso oss

    L’operatore socio-sanitario, per formarsi adeguatament,e deve seguire un corso oss. Infatti, è un corso che completa le regioni italiane che formano questo tipo di professionisti. Dopo aver seguito il corso, si può ottenere una qualifica seguendo un percorso formativo che dura 1000 ore. Sono composte da 450 ore di teoria, 450 di tirocinio e 100 di esercitazione comprensivo dell’esame finale. Vengono organizzate dall’ente regionale che gestisce il corso. C’è da dire che questo corso è molto importante perché fornisce gli strumenti essenziali per svolgere nella maniera adeguata tale tipo di attività. Eppure, a volte la migliore formazione è quella che si fa attraverso dei tirocini sul campo. Non è un caso, infatti, che coloro che iniziano questo percorso, giorno dopo giorno, quando hanno a che fare col paziente, arricchiscono le loro competenze in misura sempre maggiore. Oltre il versante empatico e sociologico della figura dell’operatore socio sanitario, vi è anche una un po’ più tecnica. Tali professioni devono essere in grado di sbrigare pratiche burocratiche, ma anche di mettere in campo delle attività legate al mondo della sanificazione. Servono competenze di tipo diagnostico e terapeutico ed in più, devono essere sempre di supporto e di collaborazione con le figure mediche. È una competenza che richiede molto impegno e altrettanta passione. Non si può fare un lavoro di questo tipo se non si è appassionati in questo campo.

    per INFO sui Corsi Oss Riconosciuti dalla Regione Lazio

    👍 Training Academy
    🖱 http://www.tracademy.it
    📞 06 92099154
    📌 https://bit.ly/TRA-Map
    📌 Via cap.Pietro. Sannibale, 1 Albano Laziale


    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *